MELMI: un Ponte Italia-Australia

Torniamo oggi a parare di Atlha Onlus (www.atlhaonlus.eu) associazione milanese che si occupa di tempo libero per persone disabili, e di un progetto concluso con successo questo week-end: MELMI, un Ponte Italia-Australia.

Cosa è MELMI? Un progetto che lega due paesi e due città, MI-lano e MEL-bourne, ai due estremi del pianeta, per promuovere lo scambio di esperienze, il confronto, la relazione, il viaggio come esperienza, la collaborazione… MELMI è “uno scambio prima di tutto culturale, incentrato su esperienze, buone pratiche, relazioni, ma anche su occasioni di confronto e riflessione, su opportunità concrete di vivere in prima persona la vera autonomia”.

Atlha ha quindi ospitato a Milano, dal 23 settembre al 6 ottobre, una delegazione di 19 Australiani, tra cui 10 giovani disabili.

Fabiola Beretta, presidente di Atlha Onlus, descrive così il progetto: “l’esperienza MELMI costituisce un esempio positivo della fattibilità del cambiamento e della responsabilità individuale per realizzarlo, e costituisce altresì un invito a lavorare insieme, istituzioni, enti, agenzie, mass media, aziende, per realizzare contesti di vita sempre più inclusivi”.

Lo scambio di quest’anno è però solo l’ultima tappa di un percorso più lungo: i rapporti tra Atlha e l’Australia iniziano nel 2006 quando, dopo un primo viaggio esplorativo di un gruppo Atlha alla scoperta della terra dei canguri, si sono stretti forti legami con l’amministrazione comunale di Melbourne e diverse realtà locali impegnate nella promozione della cultura dell’inclusione e dell’accessibilità. La connessione tra i due poli del mondo è cresciuta fino al 2010, quando si è svolto il primo scambio tra le due città rappresentate da due delegazioni, una italiana e una australiana, entrambe composte da giovani disabili, veri protagonisti dello scambio, operatori del settore e rappresentanti istituzionali. Nel 2012 è seguita poi la seconda fase: una nuova delegazione di Atlha è partita per Melbourne, seguita dal gruppo di Australiani che è appena ripartito da Milano.

Il confronto con Melbourne è stato proficuo: dallo scambio è nato un piano di azione sulla mobilità e la realizzazione di un parco ludico accessibile (ne abbiamo parlato anche noi: https://bircle.wordpress.com/2013/05/28/girasolidarieta-2013-inaugurata-la-prima-area-ludica-accessibile-a-milano/),con l’inaugurazione il 25 maggio scorso di un’area ludica accessibile, il Beautiful Park.

Testimonianze di viaggio: cosa ne pensano i partecipanti?

Dal Comunicato Stampa di ATLHA

“Siamo andati in Australia da soli!!
Con l’Atlha siamo andati fino in Australia, da soli, senza le nostre famiglie. Abbiamo sperimentato in prima persona come una grande città come Melbourne possa essere facile da girare, con la nostra carrozzina o coi mezzi pubblici. Incredibile, siamo andati in altalena per la prima volta nella nostra vita, a più di trent’anni!! Abbiamo visto che i bambini disabili possono giocare con gli altri bambini perché molti giochi pubblici sono accessibili e abbiamo capito, e questa è la cosa davvero importante, che anche noi abbiamo il diritto di andare dove vogliamo, di spostarci liberamente, di godere di piena autonomia.
E allora io, trentacinquenne in sedia a rotelle, per la prima volta in vita mia, ovviamente senza dire niente a mia madre, al ritorno dall’Australia ho deciso di prendere il treno da sola ….vado a Padova da sola, in treno! Penso che il mio non sia coraggio ma la stanchezza di dover fare molte rinunce, cosa che d’ora in avanti non farò più”.

—————————————————

Quando A. ha saputo che avrebbe partecipato ad un viaggio in Australia era molto titubante ed insicura: non sapeva come reagire perché questa non solo era una notizia inaspettata (non si immaginava certo che a metà anno avrebbe partecipato ad una vacanza!), ma oltretutto non capiva bene cosa volesse dire andare in Australia, in aereo! La notizia di partire era comunque una splendida notizia per A.: dopo la titubanza iniziale, ha iniziato a chiedere informazioni a tutti quanti, e man mano che la situazione diventava più chiara, era sempre più entusiasta e contenta. La gioia è diventata incontenibile: era carica, eccitata, molto protagonista, cercava di attirare l’attenzione di tutti quanti, perché a tutti doveva raccontare che partiva per l’Australia. La settimana prima della partenza era molto concentrata a capire le nostre spiegazioni e soprattutto cercava di assorbire tutte le nostre rassicurazioni, quasi per chiuderle bene dentro di sé e tirarle fuori al momento opportuno. Col passare dei giorni, A. Si è rilassata sempre più: il giorno della partenza era molto seria, come una viaggiatrice esperta! Anche se cercava di non farlo vedere, era molto agitata, soprattutto perché non aveva mai preso un aereo ed in fondo non sapeva neanche che cosa fosse! Nonostante le nostre spiegazioni, per lei era difficile immaginare e capire che cosa significava volare: addirittura era convinta di doversi portare il pigiama e le ciabatte per la notte (“perché altrimenti come faccio a dormire!”).

Questa era un’occasione unica per A.: noi che le siamo stati accanto, abbiamo percepito che lei ha vissuto questa fase, prima della partenza, come se fosse in una bolla di sapone, dove gli educatori le spiegavano cosa volesse dire prendere un aereo, andare dall’altra parte del mondo, non poterci sentire per telefono perché costava troppo vista la distanza, avere degli orari completamente opposti (“ma come è possibile che qui è giorno e là è notte?”), intuendo però che lei prendeva per vere le nostre spiegazioni solo per il fatto che eravamo noi a dargliele, e non perché le capiva! Questo però non l’ha scoraggiata, anzi l’entusiasmo cresceva di giorno in giorno!

La fase di conoscenza del resto del gruppo prima della partenza è stata fondamentale per A., perché le ha permesso di vedere con i propri occhi le persone che avrebbero affrontato con lei questa avventura, dandole molta sicurezza. Per come l’abbiamo vissuto noi, il fatto che A. abbia limitato i contatti (telefonici o via computer) ha significato che lei, grazie a questi incontri, ha acquisito una certa fiducia nei confronti degli altri partecipanti, tanto da decidere di partecipare ad un viaggio senza il sostegno di nessuno di noi.

Al suo rientro, era molto positiva, felice, contenta e con una grande voglia di condividere con noi educatori e con i compagni tutte le sue avventure! Per alcuni giorni voleva essere ancora al centro dell’attenzione, con l’aria di chi ha portato a termine l’impresa più grande della sua vita! Noi abbiamo visto la nostra A. con uno sguardo diverso, gioioso, ma di una gioia di chi sa di aver fatto qualcosa di unico ed eccezionale!

Advertisements

I Maratonabili alla Color Run di Milano

Anche i MaratonAbili alla ColorRun di Milano, la 5km di beneficenza non-cronometrata in cui migliaia di partecipanti (più di 10,000 nell’edizione Milanese) vengono cosparsi da capo a piedi di diversi colori ad ogni chilometro.

maratonabili

Ma chi sono i MaratonAbili?

Sul loro sito http://www.maratonabili.org i MaratonAbili, che corrono in tutta Italia, si raccontano:

“Spingiamo ragazzi diversamente abili, regalando loro sport, emozioni e momenti di splendida normalità. Siamo un team unico di grandi amici, campioni e semplici runners. Partecipiamo insieme a maratone e gare importanti.

La nostra mission è di trasformare l’impossibile in possibile, la disabilità in abilità.

Quando abbiamo iniziato in quattro amici, ultra-maratoneti, avevamo quasi il solo pensiero di goderci più tempo insieme attraverso nuove esperienze nelle corse cercando di trasmettere comunque la nostra passione e gioia a persone meno fortunate di noi.

Nel partecipare a molte gare abbiamo ricevuto incoraggiamenti a altri runners, compagni di avventura, organizzazioni, genitori di famiglie con bambini speciali, applausi e sorrisi di gente comune: abbiamo sentito allora che la nostra esperienza nella corsa poteva essere più grande e più completa di quanto pensassimo.

Così, abbiamo deciso di portare avanti un vero progetto sulle nostre corse, che è quello di spingere e promuovere l’inclusione sociale di persone come Pierpaolo, Marco, Alessandro, Margherita, Michele… e tanti tanti altri, in attività ed ambienti normali e tradizionali, in questo caso nel mondo del running.

Ai nostri amici, bambini e ragazzi in carrozzina e a chi intorno ci sostiene, diamo cuore ed entusiasmo ricevendo mille altre grandi emozioni. Non partiamo mai dai loro limiti, che sono spesso molto evidenti, ma da quello che possono fare.

Una gara è sempre una battaglia, sia chi spinge sia chi viene spinto combatte con il cuore per dare sempre il massimo, non per una medaglia o per vantarsi di un bel risultato, ma per uno scopo più grande: dimostrare a tutti che anche le persone con disabilità, fisica o cognitiva che sia, possono essere membri attivi ed esempio della comunità.”

Essere differenti è normale, anche nello sport. Una battaglia che per ora stiamo vincendo.

Bircle e i Changemakers sull’Arancia

Riportiamo oggi un articolo apparso sull’Arancia (http://www.larancia.org) dal tema:

“Dall’idea alla start up: cosa succede nel mezzo?” in relazione all’evento conclusivo di Changemakers.

Fonte: http://larancia.org/dallidea-alla-start-up-cosa-succede-nel-mezzo/

Ecco il pezzo:

Dall’idea alla start-up: cosa succede nel mezzo?

Venerdì 31 Maggio si è svolta a Milano la presentazione delle start-up che hanno partecipato a ChangeMakers for Expo 2015, un’iniziativa promossa da Expo e da Make a Cube per promuovere le idee più innovative nell’ambito del sociale. L’evento era in realtà la conclusione di un percorso di due mesi svolto dalle dieci start-up all’interno di Make a Cube, quella che in gergo viene chiamata “accelerazione”, ovvero un periodo di tempo breve in cui si cerca di risolvere tutte le problematiche che può avere una nuova società (che in qualche caso non lo è ancora) prima di entrare effettivamente nel mercato.

 

Durante l’evento abbiamo intervistato alcuni dei partecipanti chiedendo di spiegare a L’arancia cosa succede dal momento in cui si ha l’idea a quando si hanno gli strumenti per realizzarla. Quali erano le mancanze da colmare? Di che tipo di expertise avevano bisogno? E soprattutto, quando arrivano gli investitori?

 

bircle


Daniela Runchi di Bircle

 

Qual è il vostro progetto?
Abbiamo creato un’applicazione mobile per vendere, creare e acquistare guide turistiche accessibili, ovvero itinerari arricchiti con indicazioni sull’accessibilità dei luoghi per i disabili motori.


In quanti lavorate a questo progetto?

Siamo in cinque, Andrea Landini e Marcello Coppa sono i fondatori, ci sono io, Giuditta Bianca Lurà che si occupa dei contenuti artistico-culturali, e Massimiliano Cocciniello che è il nostro designer. Ci siamo conosciuti all’università Bocconi un’anno fa, io mi sono avvicinata al progetto perché lavoravo con una associazione che si occupa di tempo libero per persone con disabilità.


Come è nata l’idea?

Andrea e Marcello avevano una società di comunicazione e lavoravano con un’azienda che si occupava di itinerari turistici accessibili nella zona dei laghi lombardi. Poi si sono resi conto che i dati sulla accessibilità dei luoghi erano praticamente inesistenti, quindi hanno pensato di costruire uno strumento che la valutasse. Ci siamo resi conto che  l’idea di “mappare il mondo” era tanto bella quanto ambiziosa, e senza una quantità di dati sufficienti non avremmo mai avuto un servizio utile, quindi abbiamo  cercato di aggirare l’ostacolo creando itinerari già stabiliti con tutte le informazioni sull’accessibilità. Poi le informazioni che raccogliamo finiscono in una mappa generale che è visibile a tutti.


Una volta stabilità l’idea, che cosa è successo?

Abbiamo iniziato a partecipare a una serie di bandi e concorsi, siamo arrivati a Change Makers, un acceleratore, e ci siamo occupati del lato della comunicazione (logo, claim, contatti) e di quello dello  sviluppo dell’applicazione: noi abbiamo lavorato su design e user esperience, ma la parte dello sviluppo è quella più onerosa economicamente, ed è per questa parte che stiamo cercando degli investitori.


Gli acceleratori e gli incubatori sono effettivamente utili?

Credo di sì, perché ti permettono di entrare in contatto con competenze di cui hai bisogno, e poi perché lavori con professionisti che sanno cosa bisogna fare a livello strategico per  entrare in un mercato che è ancora nuovo, come affrontare i problemi e come portare avanti l’idea.


E a che punto arrivano gli investitori?

Sia gli incubatori che gli acceleratori ti mettono in contatto con degli investitori, ma secondo me tanti investitori si conoscono “per caso”, partecipando a eventi, conferenze, presentando la propria idea a chi potrebbe essere davvero interessato.

 

IMG_1472


Serena Ruffato di Tooteko


In cosa consiste il vostro progetto?
Il nostro progetto si rivolge ai non vedenti e rende accessibili le opere d’arte. Abbiamo dei plastici tattili ai quali aggiungiamo delle tracce audio localizzate: quando un non vedente naviga questi plastici ha la possibilità di ottenere delle informazioni rispetto a quello che sta toccando. Non è più un’audio-guida completamente scollata da quello che lui sta toccando. Tocco un capitello e il capitello mi parla di se stesso.


Come vi è venuta l’idea?
L’idea è nata all’interno del master in architettura digitale, volevo indagare le varie forme di stampa tridimensionale nonché la prototipizzazione rapida, così ho pensato a questo progetto per non vedenti. Quando è stato il momento di aggiungere i contenuti a questi plastici abbiamo pensato di mettere il braille. Però ci siamo accorti che è un po’ limitativo: occupa spazio, è molto lungo, poi deve essere tradotto, dato che non è una lingua ma un alfabeto. Insieme a Fabio, mio relatore di tesi, ho detto, “Ci sarà sicuramente una tecnologia che permette, o comunque qualcuno lo avrà già pensato, di far parlare questi plastici per i non vedenti.” In realtà, nessuno ci aveva pensato. Allora abbiamo usato le schede termoformate,  inseriamo nei modelli un sensore APS-C che venga associato a questa nostra app, l’app riconosce la scheda tramite il sensore e quindi sa che contenuti applicare. Il nostro cellulare viene applicato sopra questa scatola che abbiamo costruito e tramite la fotocamera del cellulare riconosce la posizione della mano all’interno della scheda. E il cieco può avere i contenuti a casa propria.


Chi si occupa poi dell’effettiva realizzazione dei plastici?
Noi siamo architetti, tutti e tre, e seguiremo la parte di modellazione. Per la parte di scansione ci appoggia l’università IUAV di Venezia perché ha il laboratorio di fotogrammetria, che è in partnership con noi e segue la scansione delle opere originali. Invece per la produzione, siamo in partnership con una ditta di Trento che produce materie plastiche sottili e molto resistenti.


Avete bisogno anche di uno sviluppatore per l’applicazione o siete riusciti a farlo internamente?
Per ora siamo riusciti a farlo internamente, però sicuramente dovremo inserire nel team un programmatore. Ci tengo a sottolineare che il tutto parte con una collaborazione con l’Istituto ciechi di Milano, che ci aiuterà a sviluppare i contenuti audio e la parte tattile. La nostra difficoltà è trovare dei finanziamenti.


Avete già formato una società?
No, la società dobbiamo ancora aprirla. Chiaramente la apriremo qui, e a breve, per regolarizzare anche le nostre parti. Ora dobbiamo trovare degli investitori.


Mi sembra di capire che siano un problema comune a molti.
Eh, sì. Abbiamo dei prodotti che funzionano, chiaramente in laboratorio. Però poi da qui all’applicazione c’è da lavorare. Il materiale in realtà possiamo auto-costruircelo, non è quello il problema, però ci vuole davvero molto tempo e tutti quanti abbiamo un altro lavoro. Potrebbe anche non essere un investitore, ci basterebbe uno sponsor che metta il suo nome su un Tooteko e dica, “Ok, sperimentatelo,” o lo sperimentiamo insieme, insomma.

 

Sembra che per una start-up giovane la cosa più importante sia entrare subito in un settore specifico.
Sì. Noi tre siamo partiti come quelli che fanno toccare e parlare le cose, per tutti. Poi ci siamo accorti che l’idea non era molto chiara. Allora abbiamo ristretto il nostro campo d’azione e abbiamo scelto un target preciso e compatibile con i nostri interessi, con la nostra sensibilità. I risvolti poi sono infiniti. La necessità di focalizzare è nata soprattutto per ottimizzare i tempi, erano due mesi di acceleratore e c’era necessità di decidere dove concentrarsi.

 

IMG_1470


Lucia Rampanti di Upendu


Cos’è Upendu?
È un’application per lo scambio di beni e competenze delle proprie passioni, quindi tra comunità di persone che sono affini e scambiano all’interno di quello che amano fare.


Quando hai avuto l’idea?
Siamo stati in tre ad averla. È un progetto che è nato all’interno dell’Alta Scuola Politecnica. Questo è uno spin-off. Ci siamo concentrati nei mesi di changement, marzo e aprile, full time, quasi ventiquattr’ore su ventiquattro. e in questi mesi abbiamo avuto una buona accelerata. E adesso siamo incubati al TREPI, a Torino, che è un acceleratore biotecnico di Torino.


Nel vostro team che ruoli avete?
Siamo Francesco Corazza, ingegnere informatico che si occupa dell’architettura IT, Andrea Poglio, che ha studiato architettura e costruzione città che sta sviluppando la user interface, e io, che ho studiato architettura. Però adesso mi sto riciclando nel marketing e nella comunicazione.


Te lo saresti aspettato di passare dall’architettura al marketing?
In realtà no.


Però ti sta piacendo?
Si perché metto un po’ a sistema quello che ho imparato nei cinque anni di architettura, alla fine la grafica, il saper comunicare, sapersi vendere, diciamo, in qualche modo aiuta sempre.


Siete riusciti a sviluppare il vostro progetto internamente o avete avuto bisogno di un appoggio esterno?
Tutto quello che è stato sviluppato fino ad oggi è nato internamente al gruppo. Con il bando Spinner dell’Emilia Romagna abbiamo avuto una risorsa in più, un ingegnere informatico, che si occupa di  back-end. Una risorsa di cui avremo bisogno in futuro è invece uno sviluppatore front-end.


A quanti bandi avete partecipato per adesso?
Abbiamo partecipato al bando Spinner e l’abbiamo vinto. Attualmente stiamo facendo uno Start-up camp che quest’estate potrebbe portarci a Berlino per un mese e mezzo.


Qual è la difficoltà che avete incontrato fino ad ora?
Forse sono due. La prima è il business plan: trattandosi di social innovation, non volevamo specularci sopra, però di fatto abbiamo dovuto trovare un modo per sostenerci economicamente. Poi c’è il dover comunicare il progetto all’esterno, perché è molto più facile usarlo che parlarne. Spesso è più semplice far vedere un esempio pratico che raccontare come funziona in astratto. È un ostacolo.

 

IMG_1471


Walter Bellante, Antonio Famulari e Michele Spina di PanPan


Potete raccontarci la vostra storia?
Siamo tre ragazzi siciliani, di Messina, Catania ed Enna, da qualche anno viviamo a Parigi dove frequentiamo una grande scuola di ingegneria. Lì ci siamo conosciuti e l’anno scorso abbiamo cominciato questa idea di business, PanPan. Siamo rientrati in Italia grazie a Centimakers, nel frattempo in Francia seguiamo un percorso di accelerazione di imprese di ACSE che è una business school molto importante a livello europeo e anche mondiale. Ormai siamo con un piede in Italia e uno in Francia.


Cos’è PanPan?
Ci sono quattro milioni di domande geolocalizzate su Twitter. Circa l’80% non ottiene risposta. La gente si pone delle domande su Twitter perché Google non è più sufficiente, perché non sa più rispondere. Per questo abbiamo deciso di realizzare una applicazione che eredita alcuni caratteri di Twitter, per quanto riguarda gli smartphone, e aggiunge un focus su geolocalizzazione e domande e risposte.


Cosa è successo quando vi è venuta l’idea? Siete tutti ingegneri, giusto?
Sì, Antonio è l’unico ad avere delle basi di business. Quindi noi ci occupiamo delle cose più tecniche mentre lui cura cose come il business plan e i contatti.


Non avete dovuto cercare competenze esterne?
In questo momento stiamo facendo tutto quanto noi perché abbiamo le competenze per farlo. Abbiamo frequentato il politecnico di Torino e siamo andati a ingegneria telematica. Questo ci ha permesso di programmare le basi della nostra start-up. Adesso abbiamo una partnership con il Prof. Ceri, che è uno dei massimi esperti di questo tipo di tecnologie. Lui è stato il primo ‘esterno’, oltre al programma di accelerazione francese.


E a cosa vi sono servite queste esperienze?
Ci siamo messi a fare una start-up inconsapevoli di tutto il mondo che ci stava dietro. Noi da ingegneri siamo partiti dallo sviluppo dell’applicazione e contemporaneamente abbiamo lavorato al business plan per partecipare ai concorsi. Andando avanti ti rendi conto che le cose da fare sono tante, marketing, design, service design, business verticale, contatti, un’azienda da mettere in piedi, tutto un mondo con cui non sapevamo come dialogare. Tramite Changemaker abbiamo preso dei contatti strategici. Poi abbiamo trovato un finanziamento, abbiamo ottenuto l’investimento, abbiamo capito come dialogare con gli investitori, e siamo andati avanti. D’altro canto abbiamo sviluppato anche la parte business, in Francia, nell’acceleratore francese che si occupa prettamente di business.


Avete intenzione di svilupparlo con base francese o base italiana?
Stiamo creando la società con almeno due sedi, una in Italia e una in Francia. Adesso l’argomento di discussione è se aprire una terza sede operativa, solo per lo sviluppo del sofware a Catania, da noi. Ci stiamo pensando.


Nel confronto Parigi-Milano, quali sono le mancanze di Milano rispetto a quello che avete trovato a Parigi?
Io non vedo molte mancanze. Anzi, gli italiani sono molto più imprenditori di quanto non lo siano i Francesi. La piccola e media impresa in Italia è molto più sviluppata di quanto non lo sia in Francia. Inoltre l’economia Francese è più solida di quella Italiana ma è molto più tradizionale. Dal mio punto di vista è molto più ancorata ai tipi classici di azienda e meno aperta allo sviluppo di idee sul modello americano.


Ci sono poche realtà di questo tipo in Francia?
In Francia, se ti laurei, se hai un buon profilo, un profilo analogo al nostro, il lavoro lo trovi immediatamente con stipendi impensabili in Italia. Di conseguenza in Italia la gente si da più da fare, e cerca di trovare percorsi più soddisfacenti. L’ecosistema francese è molto più tradizionalista. Quello italiano è forse un po’ più incerto, ma molto più aperto a correnti filoamericane. Questo fa si che in Italia ci sia molto più fermento intorno alle start-up che in Francia. Poi ovviamente Parigi è unica in Europa, insieme a Londra, a livello di quantità di eventi e cose che succedono. Arrivare a Milano però è stato sicuramente importante.


IMG_1473


Elisa Antognini di Younivocal


Cos’è Younivocal? 

È un progetto ideato da Andrea Pace e Francesco di Genova, ingegneri informatici, mentre io mi occupo di comunicazione e marketing, anche se in realtà sono una biologa. Hanno lavorato per molti anni nella sicurezza, e Younivocal è uno strumento per la lotta contro la contraffazione in qualsiasi settore. Produciamo un’etichetta che dimostra che il prodotto è originale grazie a due tecnologie: l’NFC, che permette al cellulare di comunicare con l’etichetta, e la firma digitale. Passando lo smartphone sopra il prodotto, il cliente può vedere se il prodotto è contraffatto o originale, oltre ad altre informazioni come il materiale del capo o la provenienza. Poi i marchi potrebbero usarlo per fare pubblicità in tempo reale.


Quando avete iniziato il progetto? 

L’idea è arrivata quando un nostro amico, che aveva acquistato una giacca di un brand che conosceva molto bene, ha iniziato ad avere il sospetto che il capo fosse contraffatto, ma non poteva dimostrarlo. Andrea e Francesco si sono messi a ragionare su come risolvere il problema, visto che da tanti anni lavorano sulla firma digitale. Hanno avuto l’idea, l’hanno scritta e l’hanno portata all’ufficio brevetti (da cui aspettano ancora risposta). A dicembre ci siamo iscritti a Changemakers, ma l’idea è nata ufficialmente a fine novembre. Infatti quando ci hanno presi eravamo un po’ stupiti, ma quello della contraffazione è un tema molto sentito, solo in Italia si perdono fino a 10mila posti di lavoro a causa di questo problema.


È anche un progetto utilizzabile per altri beni, come per il cibo. 

Sì, anche per i giocattoli… Infatti uno dei nostri problemi era che non sapevamo in che mercato buttarci. L’unica limitazione vera che avevamo era la dimensione dell’etichetta, che era grande come una carta di credito, ma grazie ad alcuni contatti che abbiamo trovato tramite Changemakers stiamo risolvendo anche questo problema.


Il primo prototipo l’avevate sviluppato internamente? 

Sì. Abbiamo anche l’app, poi abbiamo chiesto a dei produttori le certification authority. Ci hanno dato queste schede che avevano tutte le certificazioni nazionali, europee, eccetera, e quindi erano super sicure.


Quindi siete arrivati qua già abbastanza preparati. 

No, no per niente! Il grosso non è questo. Il grosso, almeno per una start-up, è creare il proprio modello di business, quindi fare un business model, un business plan, capire a che target si punti, che per noi è stato una cosa allucinante. La prima settimana che sono arrivata qui parlavano e io non capivo.


Quindi è stato un approccio traumatico al mercato. 

Noi partivamo più indietro di tutti gli altri progetti. Eravamo proprio il “calimero” della situazione.  Il nome l’abbiamo cambiato durante il processo, prima eravamo Brand Security, poi ci siamo cambiati in Younivocal, perché dava di più l’idea di quello che creavamo, rendevamo unico il prodotto. E in più preparare tutto il business plan, il business model, in soli due mesi. Però alla fine noi li dobbiamo solo che ringraziare perché ci hanno dedicato tanto, ci hanno permesso di avere dei contatti che in realtà se no non avremmo mai avuto, poi il progetto rimane a noi.


Adesso che questa esperienza è finita cosa farete? 

Continueremo a creare quest’etichetta, cercheremo di far fruttare dei contatti che Changemaker ci ha fornito e in più cercheremo di creare un prototipo per un brand e di commercializzarlo come prodotto per una città per vedere se la nostra idea funziona veramente. Se è di reale interesse.

 

State cercando degli investitori? 
Sì, stiamo cercando investitori come li stanno cercando tutti. Anche perché il nostro progetto partirà con un prototipo da commercializzare con un finanziamento minore rispetto a quello che servirà per commercializzare la vera scheda. Calcola che per commercializzare la scheda ci vogliono 30.000 euro. Ci serve l’infrastruttura, una server farm, quindi una struttura importante, che costa.


Nel vostro caso gli investitori devono essere i brand o può essere anche qualcun altro? 

No no, può anche essere qualcun altro. Anzi, saremmo anche più contenti se fosse qualcun altro. I brand potrebbero volere un rapporto in esclusiva, e a noi non andrebbe bene. Vogliamo che il progetto sia il più libero possibile.

Girasolidarietà 2013: inaugurata la prima Area Ludica Accessibile a Milano

25 maggio – Milano Sabato 25 maggio è stata inaugurata a Milano, presso la cascina dell’Atlha Onlus (via Cascina Bellaria 90 – zona parco del Trenno, http://www.atlhaonlus.eu), la prima Area Ludica Accessibile: un’area fornita di tavoli attrezzati con giochi creativi, uno scivolo accessibile, e, soprattutto, della prima altalena in Italia per le carrozzine. L’idea, nata da un viaggio dell’Atlha in Australia tre anni fa, ha finalmente trovato uno spazio nel giardino della Cascina, grazie allo sforzo di Fabiola Beretta, presidente di Atlha, di tutti i collaboratori e i volontari dell’associazione, e di tutti quelli che hanno creduto nel progetto (primi tra tutti gli sponsor). Presenti al taglio del nastro anche l’assessore Majorino e il Gabibbo, per il divertimento dei più piccoli. L’area ludica è una rivoluzione per tutti i bambini, che possono così giocare, divertirsi e crescere insieme; il gioco è stato infatti il tema centrale della giornata: “Tutti i bambini hanno diritto di giocare, tutti i bambini hanno bisogno di giocare”, per celebrare il diritto al gioco di tutti i bambini. Il Girasolidarietà è un evento organizzato dall’Atlha – associazione che si occupa di tempo libero per persone disabili – ormai da più di 5 anni, dall’inaugurazione della nuova sede presso la Cascina Bellaria: dopo l’evento dell’anno scorso sul tema della Moda Inclusiva, quest’anno ci si è dedicati ai bambini e al gioco. Alla tavola rotonda che si è tenuta in mattinata sono intervenuti tra gli altri lo spicoterapeuta Fulvio Scaparro, i bambini della scuola elementare Viscontini e Valerio Conte (CREA) che hanno collaborato con Atlha nello sviluppo del progetto dell’area ludica ideando i giochi e gli elementi in un ciclo di incontri a scuola e presso la cascina, Daniela Bertozzi (Pedagogista di Atlha),  l’architetto Stefano Casciani, Elena Muserra, presidentessa di SMArathon Onlus e Alberto Lodi, genitore. E poi, Bircle, Tooteko e Fifth Element (tutti e tre partecipanti di Changemakers for Expo 2015) per discutere di come le nuove imprese guardino ai temi del sociale. I prossimi passi? L’integrazione dell’area ludica con il parco del Trenno, per ampliarla e renderla fruibile da tutti. Proprio per questo l’Atlha ha promosso una raccolta fondi (http://www.retedeldono.it/progetti/atlha-onlus/corri-per-divertirti-se-corri-per-atlha-ti-diverti-di-più) e ha chiesto l’appoggio di tutti i collaboratori, ma soprattutto delle istituzioni. Foto: Studio Kuamini: http://www.studiokuamini.com

Bircle: il nuovo video!

Ecco a voi il nuovo video di Bircle, realizzato a Changemakers for Expo 2015 e pubblicato su Expo Milano 2015 (http://www.youtube.com/user/expomilanotv), il canale youtube dedicato all’esposizione universale di Milano.

Nel video Andrea Landini, CEO dei Bircle, racconta il progetto in un primo video pitch.

A breve avremo anche quello ufficiale!

Bircle e Milano da Vedere: le bellezze nascoste della città. Accessibili

Abbiamo incontrato Danilo Dagradi di Milano da Vedere.

Cosa è Milano da Vedere?  Innanzitutto è una realtà che nasce da una passione profonda per la città, per i suoi tesori nascosti, ma anche per quelli più in vista, per far scoprire ai turisti ma anche ai milanesi che vi passano davanti tutti i giorni quante meraviglie nasconda la capitale della moda.

Milano da Vedere è quindi un’associazione nata con l’obiettivo di raccogliere scatti e testimonianze delle bellezze della città, per arrivare pronti al 2013, ricorrenza dell’Editto di Costantino, detto proprio Editto di Milano, che nel 313 d.C. poneva fine alle persecuzioni contro i critsiani nell’impero Romano. Ma non solo: oggi, Milano da Vedere organizza visite in città per turisti stranieri ma anche per milanesi doc: ci siamo quidni subito chiesti come collaborare.

L’idea è di rendere accessibili almeno alcuni di questi percorsi per renderli poi disponibili su Bircle anche a tutti coloro che abbiano qualche problema di mobilità, integrando le informazioni sull’accessibilità degli edifici e dei luoghi con l’esperienza di Milano da Vedere.

Per far sì che in vista di Expo 2015 siano proprio tutti a poter godere delle bellezze di Milano.

Info su www.milanodavedere.com

Milano da Vedere

Premiate a Milano 37 nuove Botteghe Storiche

Con le 37 che si sono aggiunte oggi, salgono a 382 le botteghe storiche di Milano.

“Le attività premiate oggi rappresentano luoghi della memoria e un autentico patrimonio di professionalità e tradizioni che si tramandano da generazioni”: questa la descrizione di Franco D’Alfonso, assessore al Commercio e Attività Produttive.

Sono state infatti queste botteghe a dare forma e colore a Milano nel corso degli anni, e proprio per questo il comune vuole valorizzarne il valore, la storia e la tradizione.

A conferire i premi, il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, l’assessore al Commercio Franco D’Alfonso e Gianroberto Costa, segretario Generale di Unione Confcommercio.

Aggiunge poi Costa: “Le botteghe storiche sono i testimoni, l’ossatura fondamentale del nostro vivere civile. E’ perciò importante che Milano preservi e supporti i suoi esercizi commerciali storici che possono restituire alla città un vissuto di conoscenze ed esperienza, ma anche attrattività“.

Ci chiediamo: le botteghe storiche di Milano sono anche accessibili? Presto Bircle si occuperà di scoprirlo!

Qui il video della premiazione:

 

Designabile: un concorso per un design inclusivo

Si avvia alla conclusione in questi giorni, in occasione del Salone del Mobile a Milano, il concorso Designabile dedicato alle problematiche di Design for All.La prima fase ha visto protagonisti designer sotto i 32 anni invitati a inviare materiale che rappresenti le loro opinioni sulla disabilità, sul superare le barriere, anche mentali, verso l’inclusione.

Il materiale raccolto costituisce ora, durante il Salone del Mobile, una allestimento presso l’archivio Giovanni Sacchi.

Ma un concorso deve anche avere dei vincitori: una selezione di designer particolarmente brillanti sono infatti stati selezionati per partecipare alla seconda fase del progetto per presentare un concept per un oggetto o spazio pensato nell’ottica del Design For All, proposte che verranno poi valutate da una giuria e selezionate per la terza fase.

È proprio qui che ci troviamo ora: dopo la seconda fase sono stati selezionati i progetti di Sandra Faggiano, Alessandro Giacomelli e Marco Redaelli, Luca Salamone e Giorgia Albanese. Menzioni speciali per Chiara Longo e Aliki Zachariadi, tutti brillanti giovani designer.

Saranno i vincitori del concorso a partecipare in questi giorni come ospiti presso l’officina dell’Archivio Giovanni Sacchi dove potranno realizzare un modello del proprio progetto con l’aiuto di un designer professionista e di un modellista.

I modelli realizzati verranno poi proposti ad alcune aziende del settore, per realizzare un prototipo e verificare l’opportunità di mettere in vendita l’oggetto.

Per tutte le info sull’iniziativa: www.designabile.org